Rossella Sardi

Rossella Sardi

Traduttrice

TRADUTTORE GIURATO (Perito del Tribunale)

TRADUTTRICE EDITORIALE

Italiano (madrelingua)

Inglese - Tedesco - Spagnolo - Francese

Portoghese - Catalano

Insegnante di Italiano L2
a stranieri (cert. DITALS I)

SERVIZI

TRADUZIONI GIURATE E LEGALIZZATE

tutti i tipi di atti e documenti legali

privati e pubblici, personali e societari

presso i Tribunali di Monza e Milano

TRADUZIONI EDITORIALI

saggistica

CORSI DI ITALIANO L2 A STRANIERI

individuali e a piccoli gruppi

in studio e presso le aziende

Rossella Sardi

Traduttrice

TRADUTTORE GIURATO (Perito del Tribunale)

TRADUTTRICE EDITORIALE

Italiano (madrelingua)

Inglese - Tedesco - Spagnolo - Francese

Portoghese - Catalano

Insegnante di Italiano L2
a stranieri (cert. DITALS I)

SERVIZI

TRADUZIONI GIURATE E LEGALIZZATE

tutti i tipi di atti e documenti legali

privati e pubblici, personali e societari

presso i Tribunali di Monza e Milano

TRADUZIONI EDITORIALI

saggistica

CORSI DI ITALIANO L2 A STRANIERI

individuali e a piccoli gruppi

in studio e presso le aziende

Rossella Sardi

PROFILO

  • background

    Mi sono laureata in Lingue e Letterature Straniere Moderne all'Università Cattolica di Milano, Facoltà di Lettere e Filosofia, con 110 e lode nel "lontano" 1983.

    Non ho iniziato subito la professione di traduttrice, ma ho lavorato per sette anni come dipendente in tre società milanesi attive all'estero in vari campi, maturando una buona esperienza sia linguistica che operativa.

    Nel 1991 ho optato per la libera professione.

    Da allora non ho mai smesso di aggiornarmi, frequentando corsi, seminari e master, di contenuto sia strettamente linguistico che tecnico, operativo, gestionale, legale e deontologico.

    Nell'inverno 2013/2014 ho frequentato un corso di formazione per il conseguimento della Certificazione DITALS dell'Università per Stranieri di Siena, che abilita all'insegnamento dell'Italiano L2/LS (Lingua Seconda/Straniera a Stranieri). Ho superato gli esami pratici nell'aprile 2014 e l'esame teorico nell'ottobre 2015.

  • iscrizioni

    Iscrizione n° 1449 al Ruolo dei Periti e degli Esperti della Camera di Commercio di Milano.

    Iscrizione n° 23 all'Albo dei Consulenti Tecnici del Tribunale di Monza.

    Iscrizione all'A.N.I.T.I. (Associazione Nazionale Italiana Traduttori Interpreti).

    Iscrizione al SNS (Sindacato Nazionale Scrittori) - Sezione Traduttori, fino al 2011.

    Iscrizione a STRADE (Sindacato Traduttori Editoriali).
  • lingue e prestazioni

    TRADUZIONI editoriali, giuridiche, finanziarie, di economia e marketing, amministrative, commerciali e pubblicitarie in:  inglese, tedesco, spagnolo (castigliano), francese, portoghese, catalano.

    ASSEVERAZIONI E LEGALIZZAZIONI presso i Tribunali di Monza e Milano.

    INSEGNAMENTO DELLA LINGUA ITALIANA come lingua seconda / straniera a Stranieri.

  • TRADUTTORE GIURATO

    Come traduttrice giuridica, fornisco regolarmente servizi a studi legali e notarili, anche internazionali, al Tribunale a cui sono iscritta e a privati che hanno necessità di traduzioni giurate di atti e certificati, per regolarizzare le proprie posizioni legali, civili, professionali e scolastiche.
  • TRADUTTRICE EDITORIALE

    Ho eseguito per anni traduzioni per la rivista mensile Tutto Modellismo edita da Hobby & Work e, tramite un'agenzia, per il Corriere della Sera e il settimanale Sette / Corriere della Sera Magazine
    Per queste testate ho tradotto vari articoli di cultura e attualità, tratti dalle maggiori riviste e giornali esteri e firmati da nomi prestigiosi della letteratura e del giornalismo. 

    
Dal 2005 collaboro con la casa editrice Edizioni Centro Studi Erickson, per la quale traduco libri di psicologia, pedagogia e didattica e articoli per riviste specializzate rivolte a psicologi, insegnanti, educatori e counselor.
  • INSEGNANTE DI ITALIANO

    Sono in possesso della Certificazione DITALS I, che mi qualifica all'insegnamento della Lingua Italiana come lingua seconda (L2) o straniera (LS), ossia ad apprendenti stranieri. Impartisco lezioni individuali e di gruppo, presso il mio studio e le aziende.

Rossella Sardi

Contatti

Contatti

Via: Don Minzoni, 125/127
Città: 20099 SESTO S. GIOVANNI (MI)
Tel.: +390226224342
Cell.: +393337354081
e-mail: rossella.sardi.rox@gmail.com
Skype: roxrox581

Richiedi Preventivo

Send

la traduzione giurata

La traduzione giurata è una traduzione ufficiale la cui fedeltà è garantita dal suo esecutore.

Quando un documento legale scritto in una determinata lingua deve essere consegnato alle autorità di un paese di diversa lingua ufficiale, deve essere tradotto da un perito accreditato, che lo assevera, ossia giura davanti al Cancelliere del Tribunale o a un Notaio di averlo tradotto fedelmente.

Se una traduzione asseverata in Italia deve essere consegnata all’autorità di un paese straniero, deve essere anche legalizzata (per i paesi che hanno sottoscritto la Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961 relativa all’abolizione della legalizzazione di atti pubblici stranieri, si richiede l’apposizione dell’Apostille o “Postilla”).

timbro

I documenti ufficiali e gli approfondimenti in merito alla legalizzazione:Documento2Documento1

Documento3

La Legalizzazione consiste nell’attestazione della qualità legale del Pubblico Ufficiale che ha apposto la propria firma su un documento (atti, copie ed estratti), nonché dell’autenticità della firma stessa.

LEGALIZZAZIONE PRESSO LA PREFETTURA

La Prefettura – Ufficio Territoriale del Governo provvede, per delega del Ministero degli Affari Esteri, alla legalizzazione delle firme su documenti da e per l’estero. Essa legalizza:

  • atti e documenti formati in Italia affinché abbiano valore all’estero;
  • atti e documenti formati da una rappresentanza diplomatica o consolare estera residente in Italia, affinché abbiano valore in Italia.

LEGALIZZAZIONE PRESSO LA PROCURA DELLA REPUBBLICA (TRIBUNALE)

La legalizzazione degli atti firmati dai Notai, dai Funzionari di Cancelleria e dagli Ufficiali Giudiziari è di competenza della Procura della Repubblica.

I certificati di stato civile rilasciati su modello ufficiale plurilingue prodotti da Paesi che hanno aderito alla Convenzione di Vienna (1976) sul rilascio plurilingue di atti di stato civile sono esenti sia dalla legalizzazione che dalla traduzione.

La legalizzazione delle firme non è necessaria per gli atti e i documenti rilasciati dalle seguenti Ambasciate e/o Consolati aderenti alla Convenzione Europea di Londra del 7 giugno 1968: Austria, Grecia, Malta, Portogallo, Svezia, Cipro, Irlanda, Norvegia, Regno Unito, Svizzera, Francia, Liechtenstein, Paesi Bassi, Repubblica Ceca, Turchia, Germania, Lussemburgo, Polonia e Spagna.

I documenti formati o da far valere negli Stati aderenti alla Convenzione dell’Aia del 5 ottobre 1961 devono essere sottoposti alla formalità della postilla, c.d. “Apostille” (che prevede un timbro speciale attestante l’autenticità del documento e la qualità legale dell’Autorità rilasciante), in luogo della legalizzazione.

Sono esenti da legalizzazione, a condizione che rechino “l’Apostille, gli atti e i documenti rilasciati all’estero dai seguenti Paesi aderenti alla Convenzione dell’Aia firmata il 5 ottobre 1961:

Albania, Andorra, Antigua e Barbuda, Argentina, Armenia, Australia, Azerbaijan, Bahamas, Barbados, Belize, Bielorussia, Bosnia-Erzegovina, Botswana, Brunei, Bulgaria, Cina, Cipro, Colombia, Croazia, Ecuador, El Salvador, Estonia, Federazione Russa, Fiji, Finlandia, Georgia, Giappone, Gran Bretagna (estesa all’Isola di Mann), Grecia, Grenada, Honduras, India, Islanda, Isole Cook, Isole Marshall, Isole Vergini Britanniche, Israele, Kazakhistan, Lesotho, Lituania, Liberia, Liechtenstein, Macedonia, Malawi, Malta, Mauritius, Messico, Moldova, Mongolia, Montenegro, Namibia, Niue, Norvegia, Nuova Zelanda, Panama, Principato di Monaco, Repubblica Ceca, Repubblica di Corea (già Corea del Sud), Repubblica Dominicana, Romania, Saint Christopher e Nevis, San Marino, Samoa, Santa Lucia, Sant’Elena, Serbia, Seychelles, Slovacchia, Slovenia, Spagna, Suriname, Svezia, Svizzera, Swaziland, Stati Uniti d’America, Sud Africa, Tonga, Trinidad e Tobago, Ucraina, Ungheria, Vanuatu, Venezuela.

Nota Bene 1: l’Apostille si applica solo ai documenti rilasciati all’estero nei Paesi aderenti alla Convenzione dell’Aia, mentre per i documenti eventualmente rilasciati in Italia dall’autorità consolare degli stessi Paesi è necessario procedere alla legalizzazione presso la Prefettura.

Nota Bene 2: alcuni Stati dell’elenco di cui sopra, grazie a successive convenzioni, potrebbero essere esentati dall’obbligo di Apostille (STATO UE e CONVENZIONE DI RIFERIMENTO):

  • AUSTRIA Totalmente esente (Conv. Atene 15/09/1977)
  • BELGIO Totalmente esente (Conv. Lussemburgo 26/09/1957)
  • BULGARIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • CIPRO Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • DANIMARCA Totalmente esente (Conv. Bruxelles 25/05/1987)
  • ESTONIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • FINLANDIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • FRANCIA Totalmente esente (Conv. Lussemburgo 26/09/1957)
  • GERMANIA Totalmente esente (Conv. Lussemburgo 26/09/1957)
  • GRECIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • IRLANDA Totalmente esente (Conv. Bruxelles 25/05/1987)
  • LETTONIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • LITUANIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • LUSSEMBURGO Totalmente esente (Conv. Lussemburgo 26/09/1957)
  • MALTA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • PAESI BASSI Totalmente esente (Conv. Lussemburgo 26/09/1957)
  • POLONIA Totalmente esente (Conv. Atene 15/09/1977)
  • PORTOGALLO Totalmente esente (Conv. Lussemburgo 26/09/1957)
  • REGNO UNITO Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • REPUBBLICA CECA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • ROMANIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • SLOVACCHIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • SLOVENIA Totalmente esente (Conv. Roma 03/12/1960)
  • SPAGNA Totalmente esente (Conv. Atene 15/09/1977)
  • SVEZIA Apostille (Conv. Aia 5/10/1961)
  • UNGHERIA Totalmente esente (Conv. Budapest 26/05/1977)

Sono totalmente esenti da legalizzazione gli atti e i documenti rilasciati dai seguenti Paesi:

Austria, Belgio, Danimarca, Francia, Germania, Irlanda, Lettonia (per i documenti rilasciati dopo il 31/10/2010), Lussemburgo, Olanda (estesa ad Antille Olandesi e Aruba), Polonia, Portogallo, Turchia.

La Svezia rappresenta un’eccezione: i documenti rilasciati in tale Paese devono essere legalizzati, mentre quelli rilasciati dall’autorità consolare svedese in Italia non necessitano di alcuna formalità.

Atti di stato civile da e per l’Argentina
L’Accordo tra la Repubblica Italiana e la Repubblica Argentina firmato a Roma il 09.12.1987 (ratificato con Legge 22.11.1988 n. 533), disciplina lo scambio degli atti dello stato civile e l’esenzione dalla legalizzazione, a condizione che siano datati, muniti della firma e, se necessario, del timbro dell’Autorità dell’altra Parte che li ha rilasciati. Pertanto, i documenti non trasmessi per via ufficiale tramite l’autorità consolare o diplomatica italiana, ma prodotti dall’interessato (non muniti di legalizzazione ovvero di “Apostille”), saranno soggetti a controllo di autenticità (ai sensi dell’art. 6, ultimo periodo, dell’Accordo).

Poiché, inoltre, esistono molti accordi anche bilaterali e settoriali, la ricerca completa può essere effettuata sul sito del Ministero Affari Esteri nell’area Archivio Trattati all’indirizzo http://itra.esteri.it/itrapgm/.

Dr.sa Rossella Sardi - C. F. SRDRSL58T41F205I - P. IVA 02132690963 - Web agency Orange Energy Communication